ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO



Alle olimpiadi di Londra: finalmente Pistorius

Dopo anni di discussioni sul fatto che le sue protesi altamente tecnologiche potessero avvantaggiarlo, lui ha messo tutti a tacere

Di Silvano Filippini

La favola di un atleta disabile che riesce a gareggiare con i normo-dotati si è finalmente avverata.

Dopo anni di discussioni sul fatto che le sue protesi altamente tecnologiche potessero avvantaggiarlo, lui ha messo tutti a tacere guadagnandosi la convocazione alle prossime olimpiadi di Londra. Ed è riuscito anche a farsi inserire nella staffetta sui 400 m.

Ci aveva provato anche per le precedenti olimpiadi, ma non era riuscito ad ottenere i tempi per l’ammissione, con buona pace per i denigratori. In questi quattro anni, grazie alla volontà e ad un duro lavoro, ha raggiunto l’obiettivo che insegue da molti anni.

E pensare che all’età di undici mesi dovette subire l’amputazione di entrambi gli arti!
Chi avrebbe mai immaginato che sarebbe arrivato così in alto?
Secondo me neppure lui, all’inizio!

Questa “promozione” può fungere da autentico stimolo per tutti coloro che si trovano in condizioni menomate e anno perso la propria autostima.

Argomenti: #disabilità , #olimpiadi , #pistorius , #sport

Leggi tutti gli articoli di Silvano Filippini (n° articoli 63)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.579.245

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione