REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10611934
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di G.G.
stampa

 Anno VIII n° 8/9 AGOSTO / SETTEMBRE 2012    -   TERZA PAGINA


Una visita in Città Alta - Seconda parte
A Bergamo: “Sopra e Sotto”
Sopra con la possibilità di salire sulla Torre di Gombito e sotto, con la Fontana del Lantro e le cannoniere di San Giovanni e San Michele
Di G.G.


Tornato in superficie, mi avvio in Via Gombito verso Piazza Mercato delle Scarpe, quando mi scappa l'occhio all'ufficio dell'I.A.T. e scopro che la Torre di Gombito, soprastante l'ufficio, è visitabile; bisogna solo prenotarsi perché il gruppo che sale è solo di sei persone e deve essere condotto da un custode.

Quando passavo di lì da bambino con mio padre guardavo quell’alta torre, che si stagliava ben al di sopra delle case vicine. Cosa era? Perché così alta? E cosa ci faceva un negozio di fruttivendolo nella torre? E mio padre raccontava delle lotte tra le famiglie di Bergamo, che la torre era più alta, ma la abbassarono, che... tante tante cose su Bergamo e Venezia, su Bergamo e l'Austria. Per me è l'avverarsi di un sogno, entro e chiedo. Una gentile signora mi accoglie, sono fortunato, ma tanto perché non è facile: si è liberato un posto e posso salire anche io.
Mentre attendo scherzo con gli addetti:
- chissà quanti gradini
- sono 262 per l'esattezza
- ma sono molto comodi

52 metri di torre non sono pochi e salendo scopro che è vero: si sale facilmente.

L'ultimo tratto è ricavato nelle spesse mura della torre ed è più difficile, ma giunti sulla cima si ha una stupenda visione della Città, dei Colli e della pianura. Oggi è una giornata abbastanza limpida e si intravede Milano, ma in certe giornate la vista arriva all'appennino. La nostra guida conferma che è ragionevole l'ipotesi che la torre fosse più alta e che sia stata ridotta dopo l'uso della stessa nel 1848 da parte degli insorti per bombardare gli austriaci, asserragliati nella Rocca, ma non vi è traccia documentaria di tale abbattimento.


Si ridiscende e dopo questa vista proseguo il mio percorso con la “Bergamo sotterranea”. Mi attende la “Fontana del Lantro”. Per raggiungerla scendo da via San Lorenzo.

È in un posto che conosco bene: ho scattato moltissime foto al lavatoio alimentato da quella fontana quando ancora c'erano donne che vi lavavano. Che delusione oggi vedere che è stato scioccamente ricoperto da un cumulo di terra!
Chi ha pensato di riempire quel vano con la terra?
L'errore commesso con le cannoniere nell'800 si è ripetuto. Gli incolti esistono ancora e a Bergamo non mancano certo e se ne vedono i prodotti!
Se ieri ho visto e studiato il lavatoio, oggi posso visitare quello che allora non era visibile, la fontana; “una grandiosa costruzione in pietra squadrata a vista, caratterizzata da ampie volte con archi a tutto sesto ed a sesto acuto poggianti su una colonna posta al centro della cisterna” cita il volantino che ho preso all'ufficio I.A.T. e così è.

Richiamati dal gorgoglio dell'acqua che scende dalla fonte, si entra da una portina e subito si è avvolti dall'atmosfera calda fatta dall'illuminazione della cisterna. Le volte illuminate si riflettono nell'acqua ferma e danno una sensazione di stop al tempo, di immobilità, mossa solo dal rumore dell'acqua che rimbomba nel Lantro. Con una passerella metallica si raggiunge la fonte, e si può ammirare l'acqua che scorre in un canalino prima di cadere nella fontana. Illuminazione sapiente!

Uscito, risalgo per Via Boccola per completare le mie visite con la Cannoniera di San Giovanni. Sotto tutti gli spalti delle Mura vi sono le Cannoniere, con le sortite, passaggi che permettevano l'uscita dei militari per azioni ai piedi delle Mura.
I vani delle cannoniere sono integri, ma tra il 1821 ed il 1841 vennero riempiti con la terra di risulta della costruzione della strada che corre lungo le mura, dalla Porta di Sant'Agostino fino a Colle Aperto.

La prima cannoniera ad essere liberata da questo incomodo riempimento fu la Cannoniera di San Michele nel 1992, molto interessante, anche per lunghe concrezioni filiformi di calcare che danno un tono molto emozionante da grotta. Peccato che nel 1881 venne costruito a ridosso della cannoniera, il serbatoio principale dell'acquedotto civico di Bergamo, chiudendo completamente le aperture delle cannoniere e della sortita.

Di minore interesse e bellezza, ma completamente integra, è invece la cannoniera di San Giovanni dove, in alcune occasioni, la sortita viene aperta al pubblico permettendo il passaggio su Via Tre Armi, la via che corre ai piedi delle mura tra Borgo Canale e via Sant'Alessandro.

In allegato la scheda diBergamo sotterranea tratta dal volantino distribuito dall’ U.O. A cura dell'U.O. Promozione Turistica e Uffici I.A.T di Bergamo


TORRE DI GOMBITO
La salita alla terrazza panoramica della Torre di gombito e' aperta al pubblico, dal 1° aprile fino al 31 dicembre 2012
nei seguenti orari:
lunedì e venerdì: 14.30-16.30
sabato, domenica e festivi: 10.00-12.00/14.30-16.30
prenotazione obbligatoria Ufficio I.A.T. 035.242.226

FONTANA DEL LANTRO
via Boccola
aperta da Aprile a Settembre: lunedì e venerdì: 14.00-18.00
sabato- domenica - festivi: 10.00-12.00/ 14.00-18.00

CANNONIERA DI SAN MICHELE
viale delle Mura
aperta da Aprile a Settembre: domenica e festivi: 10.00-12.00/14.00-18.00

CANNONIERA DI SAN GIOVANNI
viale delle Mura
aperta da Aprile a Settembre: lunedì e venerdì: 14.00-18.00
sabato- domenica - festivi: 10.00-12.00/ 14.00-18.00



Abbiamo parlato di Bergamo e della Provincia
In questo numero:

Bergamo una città da scoprire
Passando tra le antiche mura con gli occhi dello stupore
di Serena Bertolgiatti

Ecco Bergamo, la mia città
Tanti monumenti importanti, ma vi invito all'attenzione delle piccole cose che forse meglio di tutte spiegano una città
di Giovanni Gelmini

Turismo a Bergamo
di G.G.

Una visita in Città Alta
A Bergamo le novità dei musei
Il “Museo storico dell’età veneta – Il Cinquecento interattivo”, “Museo e Tesoro della Cattedrale”, nel racconto della visita
di G.G.

Val di Scalve: emozioni tra le montagne
di Serena Bertolgiatti
Certi luoghi sono fatti così: si respirano per impressioni e sentori, tra edifici vecchi di qualche secolo e montagne vecchie millenni. Avrei voluto esplorarne una, dopo aver

Schede
Bergamo - Il Palazzo del Podestà e le scoperte archeologiche
Bergamo: “Museo storico dell’età veneta – Il Cinquecento interattivo”- Il percorso del museo
Bergamo dall' Alto: Torre Di Gombito - Bergamo Sotterranea: Fontana Del Lantro ,Cannoniera Di San Michele , Cannoniera Di San Giovanni

in numeri precedenti

Diario di viaggio a quattro mani
Una giornata a Clusone
L’occasione: visitare la mostra. Ma Clusone è una città molto bella da vedere ed interessante
di Serena e Gianni

Un esempio di “città nata e morta” in cento anni
Il Villaggio Crespi
Una realtà abitativa nata attorno alla “fabbrica” alla fine dell’800, secondo l’ideologia illuminata dell’industriale Crespi.
di Giovanni Gelmini

Viaggiare in bicicletta
In bici lontano dal traffico in Val Brembana
Un percorso da Zogno a Piazza Brembana nella suggestiva valle bergamasca tra la natura e incredibili segni dell’uomo
di Daniela Radici

Viaggiare ... in bici
Il Parco del Brembo
Un'escursione breve, da Bergamo a Bonate Sotto
Il Parco del Brembo
Seconda puntata, da Bonate a Osio e ritorno
di Daniela Radici



Argomenti correlati:
#bergamo, #cannoniere, #città alta, #lantro, #torre di gombito, #turismo
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di G.G.
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione