ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Un esempio di come sprechiamo i nostri soldi

Alitalia, salvataggio flop, ringraziamo Berlusconi


Di G.G.

Tutto finisce come doveva finire: l'Alitalia per sopravvivere deve confluire in Air France. La situazione sei anni fa, quando è apparso evidente che Alitalia non poteva più proseguire come compagnia “a carico” dello Stato, la situazione era: compagna troppo piccola per competere sulle rotte intercontinentali e compagnia troppo grossa per sopravvivere sul mercato locale dove le low cost fanno sballare il banco.

Il passaggio ad Air France sembrava fatto, quando Berlusconi “scese in campo” stravolgendo quello che era l'iter logico. l'operazione di “salvataggio” dell'Alitalia permise anche di affrancare la compagnia aerea dell'“amico” Toto, in gravi difficoltà di liquidità.

A quattro anni dal salvataggio di Alitalia siamo di nuovo punto a capo ma con una differenza non da poco: 4 miliardi di soldi pubblici, pagati dunque dai cittadini. Ringraziamo Berlusconi che fu il vero artefice dell'operazione e ringraziamo anche il ministro Passera che fu il suo braccio destro”. Così Antonio Borghesi dell'IDV definisce la situazione attuale e ancora: “Ora, se va bene, la compagnia sarà acquistata da Air France, che all'epoca si disse disposta a pagare 2,4 miliardi per farsi carico della società, mossa che ci avrebbe dunque evitato l'esborso di quei 4 miliardi. Se, invece, dovesse andar male e Air France dovesse tirarsi indietro, toccherà nazionalizzarla e a trovarsela sul groppone sarebbero, ancora una volta, gli onesti contribuenti italiani”.

Inutile aggiungere altro. Quando si parla di carenza di competitività per l'Italia dobbiamo mettere in conto anche questi sprechi voluti da una politica che usa il potere per gestire gli affari e non lo Stato

Argomenti: #alitalia , #berlusconi , #borghesi , #crisi , #politica , #produttività , #sprechi

Leggi tutti gli articoli di G.G. (n° articoli 61)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.614.897

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione