REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  11917649
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Marina Minasola
stampa

 Anno III n° 11 NOVEMBRE 2007    -   IL MONDO - cronaca dei nostri tempi


Il delirio di un vecchio
Il razzismo è duro a morire

Di Marina Minasola


Tutti gli appassionati di medicina e genetica e anche tutti coloro che ne capiscono anche solo qualcosina hanno sentito nominare almeno una volta nella vita i nomi dei due celeberrimi scienziati americani Watson e Crick, premi Nobel nel 1962 per gli studi sulla struttura del Dna.

Uno degli esponenti di questa mitica diade, tuttora alla guida di uno dei principali centri di ricerca scientifici mondiali, il settantanovenne James Watson, è ritornato in questi giorni ai “disonori della cronaca” per aver dimostrato a tutto il mondo come anche i geni con l’età possono diventare imbecilli e di come l’alzheimer e la demenza senile non guardino in faccia nessuno.

Pessimista “Per le prospettive del continente africano, dal momento che tutte le nostre politiche sociali si basano sul fatto che la loro intelligenza sia pari alla nostra, mentre tutti i test lo smentiscono”, “le persone che hanno avuto a che fare con dipendenti neri sostengono che non è vero”, “non c’è un valido motivo per prevedere che le capacità intellettive delle persone divise geograficamente al momento della loro evoluzione si siano esplicate in maniera identica. Il nostro desiderio di attribuire uguali capacità razionali come una sorta di patrimonio universale dell’umanità non è sufficiente per renderlo reale”. Entro dieci anni si scopriranno i geni che causano questa diversità.

Queste tre proposizioni deliranti riportate dal “The Indipendent” riproducono il pensiero espresso da Watson in una delle conferenze che era in programma tenesse in Gran Bretagna. E non è la prima volta che il genetista si lascia andare a riflessioni sconcertanti e prive di fondamento scientifico: non soltanto queste tesi sull’inferiorità intellettive dei neri si ritrovano nel libro dello scienziato che uscirà nel Regno unito la prossima settimana ma anche quando era di dieci anni più giovane, nell’ormai lontano 1997, il papà del Dna aveva fatto discutere blaterando sul diritto della donna all’aborto qualora avesse scoperto di essere in attesa di un figlio omosessuale.
Tempo dopo sostenne l’esistenza di un legame fra colore della pelle e comportamento sessuale, manifestata dalla maggiore libidine dei neri. Parlò, come se non bastasse quanto detto prima, anche della possibilità di manipolare la bellezza femminile attraverso modificazioni genetiche affermando che “la gente dice che sarebbe terribile se rendessimo belle tutte le ragazze. Io penso che sarebbe grandioso”. Nonostante i suoi “precedenti” il mondo scientifico si è dimostrato incredulo di fronte all’incredibile serie di affermazioni agghiaccianti dei giorni scorsi. Rita Levi Montalcini, una grande donna e scienziata la cui mente invece non è stata ancora scalfita dall’età, ha commentato: “Davvero lo ha detto? Non ci credo. Watson è una grande personalità, un genio. Forse lo ha detto Storace.” Neanche Watson sembra credere a se stesso, stando a quanto a dichiarato pochi giorni dopo lo scandalo evidenziato da tutti i giornali del mondo: “Sono mortificato per ciò che è accaduto e ancor più grave è che non riesco a comprendere come ho potuto dire questo. Posso certamente comprendere perché la gente, leggendo quelle parole, ha reagito come ha fatto. [...]Non posso che presentare le mie scuse senza riserve. Non è quello che volevo dire. E soprattutto non vi sono basi scientifiche per sostenere tali tesi”.

Ma cosa ce ne facciamo delle scuse? Può tollerarsi una simile leggerezza? Ci rendiamo conto di quanto possano essere pericolose delle parole razziste pronunciate da una bocca tanto autorevole? I mitra probabilmente lo sono meno. Perché sono così in tanti nel mondo che non capiscono quando è giunto il momento di andare in pensione e ritirarsi a vita privata?

Le conseguenze delle frasi di Watson da un punto di vista strettamente disciplinare sono state limitate: il museo della Scienza di Londra ha cancellato una prevista conferenza, la Commissione per i diritti umani inglese ha annunciato che sta studiando parola per parola le dichiarazioni del premio Nobel, il laboratorio di Cold Spring Harbor (Stato di New York), in cui si svolsero gli esperimenti decisivi sulla struttura del Dna, ha dichiarato di considerare sospesa la collaborazione con il genetista.

Troppo poco. Dai tempi del nazismo non si sentivano tesi razziste tanto pericolose. Quando i pericoli di intolleranza e discriminazione razziale sembravano diminuire e l’allarme mondiale verso sconsiderati atti di ingiustificabile ignoranza sopito, un monumento della cultura scientifica abbandona il metodo scientifico e si lascia andare a tesi che Galileo avrebbe senza dubbio considerato infondate in quanto non empiricamente dimostrabili. Speriamo che gli ignoranti della società, le menti deboli del mondo, non si siano lasciate influenzare da una mente che un tempo era stata tanto grande e tanto forte ma che oggi è soltanto vecchia.



Argomenti correlati:
 #crick,        #dna,        #levi montalcini,        #razzismo,        #scienza,        #watson
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Marina Minasola
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione